Ricerca























banner_domiciliazioni_largo_diritto_amministrativo.jpg
mod_vvisit_counterOggi22
mod_vvisit_counterDal 12/06/094284227
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg

domiciliazioniprevprof.jpg
























CERCA SU QUESTO SITO

Ricerca personalizzata

 

compendio_amministrativo_caringella.jpg compendio_amministrativo_casetta.jpg  corso_diritto_amministrativo_rocco_galli.jpg  manuale_diritto_amministrativo_chieppa_giovagnoli.jpg

 

MANUALI E COMPENDI DIRITTO AMMINISTRATIVO 2012
Galli - Caringella - Casetta - Giovagnoli - Garofoli
ORDINA ON LINE IL TUO TESTO

Le ordinanze di necessitą e urgenza
Argomenti correlati
 
 
 
   
 
Le ordinanze di necessità ed urgenza rientrano nell'ampia categoria delle ordinanze, atti, cioè, impositivi di ordini e costitutivi di obblighi o di divieti.

Le ordinanze di necessità ed urgenza si caratterizzano per il fatto di essere dei provvedimenti extra ordinem adottati nell'esercizio di specifiche facoltà conferite dalla Legge a determinati organi in specifici ambiti settoriali (si pensi ai poteri del Sindaco in materia  di ordine e sicurezza, igene e sanità pubblica di cui all'art. 50, comma 5 del TUEL).
 
Le ordinanze di necessità ed urgenza possono derogare anche alla legge ma devono rispettare i principi generali dell'ordinamento e le norme costituzionali. Spetta all'organo investito del relativo potere individuare la situazione di necessità ed urgenza che legittima il ricorso all'ordinanza e tale presupposto deve essere esplicitato nella motivazione del provvedimento che deve specificatamente indicare le ragioni del mancato ricorso ai mezzi ordinari.

Si discute in ordine alla natura delle ordinanze di necessità ed urgenza, se esse, cioè, siano atti formalmente amministrativi e sostanzialmente normativi ovverso se siano atti formalmente e sostanzialmente amministrativi.

La tesi della loro natura normativa arogomenta dalla loro vis derogaoria rispetto alla legge e dal fatto che esse contengono precetti generali ed astratti; la tesi contraria, avallata dalla Corte Costituzionale (cfr. la sentenza n. 4 del 1997), argomenta dalla loro natura transitoria e dalla conseguente inidoneità ad innovare in guisa stabile l'ordinamento giuridico; la tesi prevalente è quella che vede, in tale tipologia di provvedimenti, una natura composita; le ordinanze di necessità e urgenza sono, cioè, atti generlamente amministrativi ed eccezionalmente hanno natura normativa potendo contenere precetti generali ed astratti idonei ad innovare, sia pure entro un limitato periodo di tempo, l'ordinamento giuridico.

Si discute, infine, sulle conseguenze dell'adozione dell'ordinanza in difetto dei presupposti di necessità ed urgenza.
 
A fronte di una prima tesi che ravvisa, in tal caso, una carenza di potere con la conseguente inidoneità dell'atto a degradare la situazione soggettiva del privato e redicamento della giurisdizione davanti al GO, vi è la tesi che ritiene l'ordinanza, così emanata, illegittima, con la conseguente configurabilità di una posizione d'interesse legittimo e radicamento della giurisdizione dinanzi al GA.





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA NEL SITO

Ricerca personalizzata