Ricerca





















mod_vvisit_counterOggi500
mod_vvisit_counterDal 12/06/095283306
























CERCA SU QUESTO SITO

Ricerca personalizzata

 

compendio_amministrativo_caringella.jpg compendio_amministrativo_casetta.jpg  corso_diritto_amministrativo_rocco_galli.jpg  manuale_diritto_amministrativo_chieppa_giovagnoli.jpg

 

MANUALI E COMPENDI DIRITTO AMMINISTRATIVO 2012
Galli - Caringella - Casetta - Giovagnoli - Garofoli
ORDINA ON LINE IL TUO TESTO

Gli enti pubblici economici

Argomenti correlati

gli enti pubblici 

l'organismo di diritto pubblico

l'amministrazione dello Stato: governo e ministeri

le privatizzazioni dello Stato

la gestione dei servizi pubblici locale

Fanno parte dell'ampia categoria degli enti pubblici, gli enti pubblici economici (E.P.E.).

Gli enti pubblici economici sono uno degli strumenti con i quali lo Stato fa il suo ingresso nel sistema economico; altri strumenti sono l'impresa pubblica e l'azionariato di Stato.

Gli enti pubblici economici si collocano, dunque, in determinati settori della produzione e dello scambio di beni e servizi, in concorrenza con le imprese private dalle quali si distinguono per la peculiarità del fine che non è quello di lucro ma quello pubblicistico che ne ha indotto la costituzione.

Peraltro, l'assenza, negli enti pubblici economici, del fine di lucro  non toglie che tendenzialmente essi debbano essere guidati dal criterio dell'obiettiva economicità per il quale i ricavi debbano coprire i costi.

La finalità per la quale lo Stato istituisce degli enti pubblici economici possono essere le più varie. Ad esempio, il sostegno ad un determinato settore di attività in crisi (interventi promozionali) oppure il tentativo di frenare determinate situazioni di monopolio calmierando contestualmente i prezzi. 

Sotto il profilo giuridico, gli enti pubblici economici sono soggetti alla registrazione nel registro delle imprese, non soggiacciono al fallimento, hanno poteri pubblicistici come quello di autiregolamentarsi e di autooriganizzarsi, hanno rapporti con l'utenza disciplinati da contratti privatistici; nei confronti dei privati, al contrario degli enti autarchici, non hanno potestà pubbliche.

Il controllo dello Stato sugli enti pubblici economici si esercita prevalentemente attraverso la nomina del Presidente e dei più alti dirigenti, riservata al Governo e posta in essere con decreto del Capo dello Stato. Ai sensi della L. n. 14 del 24 gennaio 1978, n. 14, peraltro, la nomina del Presidente e del vice presidente è sottoposta al previo controllo delle commissioni parlamentari permanenti competenti per materia

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA NEL SITO

Ricerca personalizzata