Ricerca























banner_domiciliazioni_largo_diritto_amministrativo.jpg
mod_vvisit_counterOggi115
mod_vvisit_counterDal 12/06/094318875
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg

domiciliazioniprevprof.jpg
























CERCA SU QUESTO SITO

Ricerca personalizzata

 

compendio_amministrativo_caringella.jpg compendio_amministrativo_casetta.jpg  corso_diritto_amministrativo_rocco_galli.jpg  manuale_diritto_amministrativo_chieppa_giovagnoli.jpg

 

MANUALI E COMPENDI DIRITTO AMMINISTRATIVO 2012
Galli - Caringella - Casetta - Giovagnoli - Garofoli
ORDINA ON LINE IL TUO TESTO

Art 17 Costituzione

Art. 18 Cost
ART 17 Cost

[I] I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz'armi.
[II] Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso.
[III]Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

 

L'art. 17 Cost riconosce e tutela la libertà di riunione quale diritto espressamente riconosciuto e garantito solo ai cittadini.

Il diritto di riunirsi consiste nella facoltà di darsi convegno, temporaneamente e volontariamente, in un luogo determinato.

Le riunioni possono assumere forme diverse:

assembramenti: cioè riunioni occasionali che traggono origine da circostanze impreviste;

dimostrazioni: cioè riunioni finalizzate alla manifestazione di determinate posizioni ed opinioni;

cortei
: cioè riunioni in movimento.

Ulteriore fondamentale distiznione che rileva anche sotto il profilo dell'ambito della tutela riconosciuta dall'art. 17 Cost è quella che concerne il luogo ove si svolgono le riunioni.

Esse possono, dunque, essere:

private, ove si svolgano in luoghi privati dove cioè il titolare abbia lo ius excludendi nei confronti degli altri;

aperte al pubblico
, ove si svolgano in luoghi accessibili a chiunque nel rispetto di specifiche prescrizioni di disciplina delle modalità e dei termini dell'ingresso;

pubbliche, ove si svolgano in luoghi nei quali chiunque possa accedere.

L'art. 17 Cost stabilisce le condizioni per il concreto esercizio del diritto di riunione.

In primo luogo, ed in via generale, le riunioni debbono essere pacifiche e svolgersi senza la presenza di armi. Secondo autorevole opinione, ove, nell'ambito della riunione, sia accertata la presenza di soggetti che detengano delle armi, l'Autorità di pubblica sicurezza sarà tenuta ad allontanare il soggetto in questione ma non è legittimata, perciò solo, a sciogliere la riunione.

Per le riunioni in luogo privato o aperto al pubblico, non occorre la preventiva richiesta di autorizzazione al questore; preavviso invece richiesto per le riunioni da svolgersi in luogo pubblico. Il preavviso in tale ultima ipotesi è funzionale alla possibilità di un intervento preventivo e di vigilanza da parte dell'Autorità di Pubblica Sicurezza ed alla possibilità di opporre un divieto ma solo per: "comprovati motivi di sicurezza ed incolumità pubblica".

Secondo l'opinione dominante, il preavviso per le riunioni in luogo pubblico costituisce esclusivamente un atto di significazione e non già una richiesta di assenso. Ne consegue che l'omesso preavviso non potrà, ex se, determinare lo scioglimento della riunione che si sia ciononostante tenuta. L'Autorità di Pubblica Sicurezza ne potrà vietare il proseguimento non per la mera omissione del preavviso ma solo se vi siano comprovate ragioni di sicurezza e di pericolo per l'incolumità pubblica.

Nell'ambito della libertà di riunione sancita e tutelata dall'art. 17 Cost, si inquadra il diritto di organizzare e di riunirsi in assemblea da parte dei lavoratori nei luoghi di lavoro ex art. 20 della L. n. 300 del 1970.





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA NEL SITO

Ricerca personalizzata